Come cambia il business assicurativo: mercato digitale e nuove tariffe

Home\\News\\Come cambia il business assicurativo: mercato digitale e nuove tariffe

Come cambia il business assicurativo: mercato digitale e nuove tariffe

assicurazione e mercato digitale

 

Un mercato assicurativo che sta cambiando faccia e che necessita di una sofisticazione delle tariffe. All’Annual Assicurazioni si è parlato anche di investimenti, vigilanza europea e novità normative. Le compagnie necessitano ora di grandi sforzi per adattarsi al nuovo contesto che si va prospettando. Nel frattempo, il Presidente di Seat, Luca de Meo, annuncia che la tecnologia è pronta per la guida autonoma.

 

Tecnologie pronte in tema di guida autonoma e auto connessa

Il 18^ Annual Assicurazioni del Sole 24ore che si è svolto ad inizio novembre, si è aperto con un annuncio da parte di Luca de Meo, Presidente di Seat. “Sulla guida autonoma l’industria dell’auto ha un obiettivo preciso; la tecnologia a pezzi è già disponibile: ora si tratta di aggregarla e renderla più sofisticata”. Tecnologie pronte, dunque, in tema di guida autonoma e auto connessa. Un’evoluzione che porterà di certo ad una diminuzione della frequenza dei sinistri. O quantomeno ad una riduzione del rischio in strada.

Nuove misure delle compagnie per far fronte all’aumento dei sinistri

L’anno segnerà inoltre, una contrazione dovuta alla discesa dei prezzi dei premi e all’aumento dei sinistri. Che dovrebbe però riassorbirsi nella seconda parte dell’anno. Le misure messe in atto dalle compagnie dovrebbero, infatti, far fronte alla frequenza di sinistri con un aumento del costo medio e un incremento dei costi di ricambio. Come afferma all’Annual Mauro Montagnini, direttore generale dell’Ania. Dopo una fase di calo è evidente che il settore Rc Auto ha bisogno di recuperare redditività. I premi lordi raccolti in Italia caleranno infatti fra il 4,5 e il 5% nel 2016.

Calo dei premi: ottimizzazione degli strumenti tecnologici a supporto

Ma la previsione che preoccupa di più è quella di Bcg e Morgan Stanley. “Il business assicurativo cambierà faccia con effetti drammatici e un calo, nei mercati maturi, che per i premi può arrivare fino al 30-40% nel 2030″. Verranno ottimizzati gli strumenti tecnologici a supporto e nel lungo periodo si osserverà una diminuzione degli operatori, i quali saranno costretti a mettere in campo grandi investimenti nella digitalizzazione.

Assicurazioni e digitale

Ed è stato proprio questo il tema centrale delle presentazione di alcuni startupper assicurativi all’Annual Assicurazioni: il digitale. Dal coo di Allianz Italia, Jesus Marin, al direttore operations Bassilichi, Alberto Taviani. Fino al responsabile governance-business Top clients di Tim, Paolo D’Andrea. “È un fattore chiave come utilizzare i dati per avere una sofisticazione tariffaria capace di far fronte ai cambiamenti di mercato”. Così afferma Maurizio Cappiello, direttore generale di AXA. Yuri Narozniak, direttore generale di Groupama Assicurazioni, ha invece posto l’accento sugli attuali limiti del progresso telematico, ridotto alla scatola nera. “I dati e la relazione in tempo reale con il cliente possono essere utilizzati meglio” afferma. 

Rinvio della normativa sui PRIIPs

Fausto Parente, direttore esecutivo dell’autorità europea EIOPA, inoltre, ha confermato il rinvio delle contestate regole sui PRIIPs (i prodotti d’investimento al dettaglio e assicurativi preassemblati). Si parla di 6 mesi o un anno. Anche perchè “le tre autorità europee già prima della bocciatura del Parlamento si erano rese conto che c’era bisogno di più tempo per le aziende”. Lo studio legale Hogan Lovells auspica, dal canto suo, che la nuova normativa sui PRIIPs porti ad un livellamento del piano di gioco tra tutti gli intermediari sul mercato.

Web e digitale: la sfida del mercato del futuro

All’Annual Assicurazioni si è parlato, infine, di web e digitale. Laura Madia, industry head finance a Google Italy, afferma “Nel web ci sono molteplici opportunità di acquisizione nuovi clienti”. Proprio in questo senso si sta muovendo Generali Italia, il cui chief P&C and claims officer Massimo Monacelli afferma “Generali per esempio già da tempo sta rinnovando l’offerta introducendo la telematica non solo sulle auto”. Anche Enrico San Pietro, deputy general manager general insurance UnipolSai Assicurazioni, segue la stessa linea con il lancio della prima polizza per il commercio dotata di box. Con sensori di rilevamento fumi, acqua e furto. Andrea Amadei, Gi director & COO di Aviva, conclude però affermando che in Italia il mercato è ancora prematuro per puntare solo sul web.

Se sei un amante della comodità e gli innovativi servizi web non ti fanno paura, non esitare a provare tiassisto24, la piattaforma che si prende cura della tua auto facendoti risparmiare tempo e denaro. Hai ricevuto una multa? Invia la foto tramite la piattaforma e i nostri legali verificheranno se ci sono i presupposti per fare ricorso comodamente online. Se invece vuoi risparmiare sulla manutenzione della tua auto usufruisci dei nostri coupon sconto con promozioni su moltissimi servizi. Visita il nostro sito http://tiassisto24.it/!

REGISTRATI SUBITO

oppure scarica la nostra app

bottone ios

bottone android

2017-01-18T18:24:35+00:00 06.12.2016|News|

Scrivi un commento