Esenzione bollo auto: chi ne ha diritto?

Condividi questo articolo!

esenzione bollo

Al ritorno dalle vacanze molti italiani hanno trovato nelle proprie cassette della posta la tanto odiata notifica di pagamento del bollo. Il bollo è una tassa di proprietà sul veicolo e che viene calcolata in base a criteri regionali tenendo conto della classe d’inquinamento della vettura e della potenza del mezzo in Kw, ma alcuni veicoli ne sono esenti:

  • le vetture destinate al trasporto dei disabili
  • auto elettriche, a metano o GPL
  • auto storiche

Esenzione bollo per il trasporto disabili

Persone disabili:

  • per cecità o sordità,
  • con patologie che comportano ridotte o impedite capacità motorie
  • i disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni
  • disabili a cui è stata riconosciuta l’indennità di accompagno

possono richiedere l’esenzione dal bollo, su una singola vettura, di loro proprietà o intestata ad un familiare di cui il soggetto sia fiscalmente a carico, che non superi i 2.000 cc di cilindrata, se benzina, o i 2.800 cc se diesel.

Per richiedere l’esenzione bisogna presentare, 90 giorni prima della scadenza del pagamento, la documentazione all’Ufficio Tributi della regione di residenza o, nelle regioni in cui non è presente questo ufficio, all’Agenzia delle Entrate. Precisiamo che colore che hanno diritto all’esenzione del pagamento del bollo auto per disabilità non devono esporre alcun tagliando sul parabrezza dell’auto.

Esenzione bollo per vetture ecologiche

Gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a due, tre o quattro ruote, totalmente elettrici sono esenti dal pagamento del bollo per i 5 anni successivi all’immatricolazione, dal sesto in poi devono pagare un tassa che varia in base alla regione.

Le autovetture e gli autoveicoli alimentati esclusivamente a GPL o  metano, conformi alle direttive CEE in materia di emissioni inquinanti, in generale ( ci sono alcune differenze regionali) devono pagare solo il 25% della tassa prevista per i corrispondenti veicoli a benzina

Per quanto riguarda le auto ibride, non vi è una regola nazionale e il bollo varia a seconda della regione.

Esenzione bollo per auto storiche

Fino all’anno scorso, tutte le auto dai 20 anni di età in su erano esenti dal pagamento del bollo, ma con la Legge di Stabilità la norma è cambiata. Da quest’anno le auto con almeno 30 anni di età verranno considerate automaticamente come auto storiche e di conseguenza saranno esenti dal pagamento della tassa. Per quanto riguarda, invece, le auto dai 20 ai 29 anni esse sono esentate dal bollo solo se l’auto viene considerata d’interesse storico.

In entrambi i casi, una volta accertata l’esenzione, il proprietario della vettura deve versare una piccola tassa che varia dai 25 ai 30 euro.

Per essere sempre aggiornato sulle norme e le novità del mondo auto

Registrati su tiassisto24

oppure scarica la nostra app

tiassisto24 app

Condividi questo articolo!
2017-11-06T15:01:41+00:00 01.09.2015|News|

Un commento

  1. Salvatore 5 ottobre 2015 al 15:04 - Rispondi

    Trovo molto interessante quest servizio informativo

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.