Automobile dimostrativa tecnologica sul pavimento del Autotech: Fiera di Detroit a Novi, Michigan, 9 giugno 2022. Le aziende di tecnologia automobilistica all’interno della fiera erano a disposizione per mostrare e spiegare le innovazioni.

Le auto stanno diventando più simili a un dispositivo che potresti acquistare in un grande negozio di scatole. Questa è stata la netta dichiarazione di un relatore all’AutoTech: fiera di Detroit della scorsa settimana. Infatti componenti, sensori, software, voltaggio, interfaccia utente (UI), interfaccia uomo-macchina (HMI) e connettività sono stati i termini più scambiati durante l’evento tenutosi a Novi, Michigan, fuori Detroit.

automobile

Innanzitutto, dimentica quei display utilitaristici e i pannelli degli strumenti che potrebbero non corrispondere necessariamente allo stile del resto del tuo veicolo, specialmente uno che sarebbe considerato di lusso.

Nel discorso di Hammoud ha discusso di elettrificazione e connettività.

Cosa è successo per parlare di potenza, coppia o risparmio di carburante? Oh, è ancora lì, ma fa parte dell'”era glaciale” come ha affermato Mazen Hammoud, direttore della strategia di tecnologia del movimento presso Ford Motor F Co. durante una tavola rotonda sull’elettrificazione, riferendosi ai motori a combustione interna. Sì, l’elettrificazione era un altro di quei termini che dominavano i display e le discussioni: motori, non tanto. Mentre pensiamo a quali capacità e comfort conterranno le auto e i camion che stiamo guidando ora e che saranno in futuro, ha senso fare un tuffo più profondo in due tecnologie molto diverse, ma in definitiva correlate, una utilizzata quando il veicolo è in fase di progettazione e uno che lo mantenga aggiornato una volta che è in viaggio.

Lo strumento di interfaccia utente Kanzi One di Rightware ha lo scopo di risolvere questa discrepanza. Come ha spiegato a Forbes.com il co-fondatore e chief strategy officer di Rightware Tero Koivu, Kanzi consente alle case automobilistiche di creare interfacce uomo-macchina e interfacce utente combinate con grafica di fascia alta.

In termini più semplici, “Quello che consente alle case automobilistiche di fare è portare i loro marchi sugli schermi”, ha affermato Koivu. “Può davvero estendere il marchio. Pensa ai display centrali. Sono stati disconnessi dal resto dell’auto. Diciamo che avevi un volante davvero bello e il display centrale era piuttosto primitivo. Fondamentalmente stiamo estendendo quell’esperienza, quell’immagine del marchio, quella qualità ai display”.

Kanzi One, società con sede a Helsinki, in Finlandia, è stato utilizzato da oltre 50 marchi automobilistici, tra cui Maserati, che ha creato il suo primo quadro strumenti digitale e display head-up nel SUV di lusso compatto Grecale utilizzando Kanzi.

Laddove in precedenza ingegneri e designer Maserati avevano esternalizzato l’interfaccia utente al suo fornitore HMI, sono stati in grado di svolgere l’intero lavoro internamente utilizzando Kanzi, portando lo sviluppo del quadro strumenti e dell’head-up display dai concetti di progettazione iniziali alla produzione di massa in poco meno di due anni.

La velocità e la capacità di personalizzazione con un numero qualsiasi di funzionalità sono fondamentali man mano che le richieste tecniche e di design aumentano, così come le aspettative dei clienti di maggiori capacità e controlli. Ecco perché tecnologie come Kanzi diventano uno strumento importante per soddisfare tali aspettative.

“Non ci sono limiti alla creatività. Le visioni possono diventare realtà. C’è bisogno di un ecosistema più ampio”, ha spiegato Koivu. “Lavoriamo con oltre 50 partner. Realizziamo quel design e sfruttiamo tutto il resto, come l’intelligenza artificiale (intelligenza artificiale), i servizi basati su cloud, la connessione all’infrastruttura, ciò che l’auto rileva attraverso i sensori, ecc. Ma una volta che l’auto o il camion, pieno di tutta quella grande tecnologia è sulla strada, può rapidamente diventare una notizia di ieri senza la possibilità di installare rapidamente correzioni e aggiornamenti mantenendoli aggiornati e funzionanti correttamente.

Molti di questi articoli non richiedono un viaggio al centro di assistenza, ma sono realizzati da aggiornamenti over-the-air (OTA) trasmessi dalla casa automobilistica. Semplici in teoria, ma in realtà, anche se possono essere stati prodotti da fornitori diversi, hanno bisogno, in sostanza, di lavorare tra loro.

Deep Connected Platform gestisce gli aggiornamenti via etere e la raccolta dei dati.
Screenshot dell’utente della piattaforma Sibros Deep Connected
La piattaforma Deep Connected di Sibros , con sede a San Jose, in California, consente a una casa automobilistica di fornire aggiornamenti software OTA a tutti i sistemi di un veicolo e di farli funzionare di concerto. Raccoglie dati basati sugli eventi dal veicolo e trasmette comandi diagnostici rivolti all’utente che un tecnico dell’assistenza potrebbe utilizzare per rintracciare o riparare un problema tecnico. La capacità di eseguire questi aggiornamenti senza interrompere le prestazioni complessive del veicolo diventa ancora più urgente man mano che i veicoli elettrificati guadagnano popolarità e vengono aggiunte più funzionalità ai sistemi avanzati di assistenza alla guida (ADA ADA S) e la piena autonomia rimane un obiettivo.

È un cambiamento epocale rispetto all’approccio tradizionale seguito dalle cosiddette case automobilistiche legacy quando esaminano gli aggiornamenti.

Sibros ha sede a San Jose, in California.
Albert Lilly, Vicepresidente Sibros, Marketing
“Un’auto è una cosa ad alta intensità di funzionalità che stai costruendo. Siamo un facilitatore, quindi anche dopo che il veicolo è stato venduto al cliente, possiamo aggiungere nuove funzionalità”, ha affermato Steve Schwinke, vicepresidente del coinvolgimento dei clienti di Sibros, durante una chat presso lo stand dell’azienda al piano AutoTech. “È una mentalità diversa. Voglio aggiungere una nuova funzionalità, non faceva parte del piano originale, dobbiamo aggiungerla alla nuova generazione. Non è il modo giusto di pensarci”.

Secondo Albert Lilly, vicepresidente marketing di Sibros, l’adozione della piattaforma Sibros differisce tra le case automobilistiche precedenti e le società più recenti, comprese quelle altrove nella sfera della mobilità.

“Penso che stia cambiando. Le startup lo capiscono, i nuovi veicoli elettrici. I più grandi ora se ne stanno rendendo conto”, ha detto Lilly a Forbes.com. “Stiamo registrando più clienti. Ora stiamo entrando in ogni segmento della mobilità, dagli scooter ai trattori, dai movimento terra agli autobus, riscontrando un interesse fenomenale”.

AutoTech: Detroit si è tenuta l’8, 9 giugno 2022 a Novi, Michigan.
Partecipante all’AutoTech:
Tutto torna al fatto che il modo in cui le automobili, i camion e altri modi in cui ci muoviamo sono sia immaginati che costruiti in modo diverso. Le case automobilistiche sono costrette a capire che hanno un nuovo posto nel processo poiché aziende come Rightware e Sibros e tante altre stanno inventando le tecnologie che forniranno le prestazioni, le caratteristiche e le capacità che i clienti richiedono da auto e camion sempre più complessi del presente e del futuro .

Come ha dichiarato senza mezzi termini Matt Jones, direttore della tecnologia globale Ford ai partecipanti di AutoTech, “l’OEM non è in cima alla catena alimentare”.

Fonte Forbes

La newsletter di Tiassisto24

Resta informato su tutte le novità del mondo automotive e non solo. La nuova sezione dedicata alle news mensili del Mondo Tiassisto24. Sarà un appuntamento fisso per condividere i tanti accadimenti che avverranno nel nostro piccolo ecosistema, dal rilascio di nuovi funzioni e servizi, all’acquisizione di nuovi clienti e partners.

RESTA AGGIORNATO
Condividi questo articolo!