Mercedes potrebbe prendersi la colpa degli incidenti ma solo se il suo sistema di guida autonoma è difettoso. Le Commissioni di legge chiedono un aggiornamento della legislazione

Mercedes sta per lanciare la sua nuova tecnologia di guida autonoma di livello 3 sulle nuove berline Classe S ed EQS e il marchio ha confermato di essere pronto ad assumersi la responsabilità legale per gli incidenti che coinvolgono le sue auto quando il sistema è attivato.
Tuttavia, l’accettazione della responsabilità da parte dell’impresa rientra in un insieme limitato di parametri. Mercedes afferma che si prenderà la colpa di un incidente solo se è stato causato direttamente da un guasto alla sua tecnologia. Se il conducente “non rispetta il proprio dovere di automobilista seguendo il codice” (ad esempio rifiutandosi di riprendere il controllo dell’auto quando richiesto), sarà responsabile del danno risultante.

Dal lancio, il sistema Drive Pilot Mercedes funzionerà solo all’interno di aree geo-recintate sulla rete autostradale tedesca a velocità fino a 60 km/h (circa 37 mph), ma queste limitazioni potrebbero essere revocate una volta che Mercedes avrà dimostrato ai legislatori che il sistema funziona in modo affidabile.

mercedes guida autonoma

Drive Pilot di Mercedes:

Poiché Drive Pilot è un sistema di livello 3, il conducente sarà in grado di togliere le mani dal volante e consentire all’auto di assumere il controllo totale delle sue funzioni. Mercedes afferma anche che i proprietari saranno in grado di svolgere “attività accessorie” sul sistema di infotainment dell’auto, come rispondere alle e-mail, guardare un film o fare acquisti online.

Mercedes è il primo produttore al mondo a soddisfare i requisiti legali per un sistema di guida autonoma di livello 3, battendo sul tempo il pioniere dell’autonoma Tesla . Il governo tedesco ha concesso l’approvazione Mercedes per la tecnologia alla fine del 2021 e le prime auto dotate di Drive Pilot saranno disponibili all’inizio del 2022.

Questo segna un enorme passo avanti nella tecnologia autonoma: fino ad ora, le auto a guida autonoma hanno richiesto una supervisione costante da parte del conducente. Tuttavia, grandi cambiamenti come questi devono essere supportati da grandi documenti legali. Per fortuna, i poteri forti hanno già iniziato a gettare le basi per proteggere gli utenti della strada se dovesse accadere il peggio.

Questa è una buona notizia. Quali sono gli ultimi sviluppi?
Nel gennaio di quest’anno, le Commissioni legali di Inghilterra, Galles e Scozia hanno pubblicato un rapporto congiunto che chiedeva riforme legali che consentissero ai proprietari di auto a guida autonoma di essere immuni da procedimenti giudiziari se qualcosa fosse andato storto con i loro veicoli mentre stavano operando in modalità autonoma.

Il rapporto suggerisce che la persona al posto di guida di un’auto a guida autonoma (come i veicoli con capacità di livello 3 che Mercedes sta per immettere sul mercato), non è più un conducente quando il sistema è acceso. Perderebbero lo status di “driver responsabile” il che significa che sarebbero esenti da una vasta gamma di reati che vanno dalla guida pericolosa all’eccesso di velocità.

Ad esempio, se un’auto a guida autonoma ha un incidente come conseguenza diretta del guasto del suo sistema autonomo, la responsabilità del prang dovrebbe essere del produttore piuttosto che del proprietario poiché, tecnicamente, il proprietario non stava guidando l’auto in quel momento, avendo azionato la guida autonoma. Sembra abbastanza plausibile, giusto?

mercedes guida autonoma 1

Il rinomato esperto di sicurezza Thatcham è stato consultato come parte del rapporto. Il Chief Research Strategy Officer dell’azienda Mercedes, Matthew Avery, ha dichiarato: “La transizione verso l’introduzione sicura dell’automazione con funzionalità di guida autonoma è irta di rischi quando entriamo nelle prime fasi dell’adozione. Il rapporto di oggi rappresenta un passo significativo, in quanto fornisce importanti raccomandazioni legali e chiarezza per l’impiego sicuro di veicoli con funzionalità di guida autonoma sulle strade del Regno Unito.”

“Nei prossimi 12 mesi, è probabile che vedremo le prime iterazioni di funzionalità di guida autonoma sulle auto sulle strade del Regno Unito. È significativo che il rapporto della Law Commission evidenzi gli obblighi legali dei conducenti e capiscano che il loro veicolo non è ancora completamente autonomo. Ha caratteristiche di guida autonoma che, nel prossimo futuro, saranno limitate all’uso in autostrada a basse velocità”.

Mercedes con guida autonoma e l’importanza del driver responsabile:

Ha anche discusso alcune limitazioni che dovrebbero essere poste al “driver responsabile”, dicendo: “L’autista dovrà essere disponibile a riprendere il controllo in qualsiasi momento, non gli sarà permesso di dormire o usare i propri telefoni cellulari, il veicolo non potrà cambiare corsia e se il conducente non riprende il controllo, quando richiesto, si fermerà in corsia autostradale. È fondamentale che i primi utenti comprendano queste limitazioni e i loro obblighi legali”.

Questo dovrebbe essere ovvio, ma il “driver responsabile” sarà comunque responsabile di altri compiti del conducente, come l’assicurazione, il fissaggio dei carichi e l’assicurarsi che i bambini indossino le cinture di sicurezza. Sarà inoltre necessario aggiungere un sistema alle auto a guida autonoma che registri quando il sistema è attivo e ritrasmetta le informazioni al produttore se si verifica una guida non sicura durante il suo tempo di attività per aiutare a eliminare i bug.

Le Commissioni hanno già trasmesso la loro relazione al Parlamento scozzese. Ora spetta ai governi del Regno Unito, della Scozia e del Galles decidere se accettare le loro raccomandazioni e introdurre leggi per farle rispettare. Vi aggiorneremo quando si prenderanno nuovi provvedimenti.

Fonte: Car Magazine

La newsletter di Tiassisto24

Resta informato su tutte le novità del mondo automotive e non solo. La nuova sezione dedicata alle news mensili del Mondo Tiassisto24. Sarà un appuntamento fisso per condividere i tanti accadimenti che avverranno nel nostro piccolo ecosistema, dal rilascio di nuovi funzioni e servizi, all’acquisizione di nuovi clienti e partners.

RESTA AGGIORNATO
Condividi questo articolo!