Microcar: limitazioni, modifiche, pro e contro

Condividi questo articolo!

Pensate per i giovani, apprezzate dai pensionati. Le microcar sono veicoli sempre più presenti sulle strade italiane. Considerate valide alternative ai ciclomotori, si sono diffuse a macchia d’olio tra gli over 60: quasi un acquirente su due, infatti, ha già completato la sua carriera lavorativa. Equiparate per legge ai quadricicli, nei paesi dell’UE vengono distinte in due tipologie a seconda delle caratteristiche:

  •         Quadricicli leggeri: se hanno massa inferiore ai 350 kg, cilindrata inferiore ai 50 cm³ e se equipaggiate con motori a benzina, con potenza inferiore ai 4 kW e velocità massima inferiore ai 45 km/h.
  •         Quadricicli pesanti: se hanno massa inferiore ai 400 kilogrammi (550 se adibiti al trasporto di cose), potenza inferiore ai 15 kW e velocità massima inferiore agli 80 km/h.

Con quale patente si guidano

Per mettersi alla guida di un quadriciclo leggero serve la patente AM, per uno pesante sarà necessaria la B1.

  •         Patente AM: si può ottenere a partire da 14 anni presso un’autoscuola o la Motorizzazione Civile. Consente di trasportare un passeggero solo una volta compiuti i 16 anni, età in cui ha validità anche all’estero. Si consegue superando un esame teorico, che dà diritto al rilascio del foglio roso della validità di sei mesi, e uno pratico.
  •         Patente B1: si ottiene a partire dai 16 anni. Prevede un esame teorico e uno pratico. Se quest’ultimo viene effettuato con un veicolo con cambio automatico, si dovranno guidare esclusivamente vetture dotate di questo tipo di trasmissione.

Minicar: limiti e dove possono circolare

Giunti a questo punto facciamo un breve riepilogo. Le minicar hanno due posti, sono dotate di una targa come quella dei motorini (ma non richiedono l’utilizzo del casco) e hanno una velocità massima di 45 km/h. È possibile parcheggiarle nelle aree di sosta destinate ai motocicli e la loro circolazione è limitata ai centri urbani. Non possono, infatti, percorrere superstrade, strade extraurbane secondarie, tangenziali e autostrade. Le misure standard sono 2,5 metri di lunghezza, 1,4 di larghezza e 1,3 di altezza. La possibilità di trasportare un passeggero deve essere annotata sulla carta di circolazione. L’assicurazione da stipulare è la RC Moto con possibilità (consigliata) di estendere la copertura al passeggero. Il premio è simile a quello di un “cinquantino”.

Vantaggi e svantaggi

Perché preferire una microcar a un motorino? Il dibattito è aperto. La struttura chiusa permette alla prima di muoversi anche in condizioni atmosferiche avverse, senza inficiare sulle altre comodità. Tra queste segnaliamo la possibilità di parcheggiare negli spazi riservati alle due ruote e l’accesso facilitato ai centri storici e alle ZTL. Tra le note stonate, oltre ai suddetti limiti di circolazione e di velocità, vanno aggiunti elevata rumorosità e, soprattutto, prezzo.

Personalizzare microcar

Va infatti detto che per acquistare le macchinette 50 si parte da una base vicina ai 10.000 euro. Per questo motivo molti utenti preferiscono scandagliare il mercato delle minicar usate. Tra le marche più gettonate si trovano Aixam (considerata di gran lunga la più sicura), Ligier, Chatenet, Toyota, Meta, Piaggio e Bellier. Che siate guidatori alle prime armi o più esperti, il consiglio è universale: non cedere al richiamo del tuning meccanico. Case costruttrici e buonsenso suggeriscono di non apportare modifiche alle microcar. Concepite per non superare determinati limiti di velocità, rischiano di diventare schegge impazzite se sottoposte a “trattamenti” al motore o alla ciclistica. All’aumento della potenza del motore corrisponde infatti una notevole riduzione della stabilità, elemento basilare per i più giovani.

Se hai in mente di affidarti a questo particolare tipo di veicolo e scegliere le officine più adatte alla sua manutenzione, scegli Tiassisto24. Ti basterà registrarti e caricare la targa per avere sempre sotto controllo tutto ciò che lo riguarda.

Condividi questo articolo!
2018-08-08T13:38:22+00:0010.08.2018|Automobili|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.