Accesso alle informazioni tecniche dei veicoli: la Corte di Giustizia Europea scende in campo a favore dell’aftermarket indipendente. Libera concorrenza e accesso ai dati, la svolta arriva dalla Corte di Giustizia Europea. La questione dell’accessibilità ai dati riguarda trasversalmente tutto il mondo della riparazione indipendente; tanto che le diverse associazioni di categoria, nazionali e internazionali, hanno preso parte ai tavoli di discussione creati ad hoc dalle istituzioni.

Nello specifico il riferimento è oggi alle battaglie portate avanti dai professionisti del settore e dagli enti di riferimento (per l’Italia citiamo A.D.I.R.A.) che accolgono positivamente quanto la Corte di Giustizia UE ha sentenziato lo scorso ottobre in materia di accesso alle informazioni tecniche di riparazione per gli aftermarket indipendenti.

Aftermarket indipendente in difficoltà: UE corre in soccorso

In merito a questo regolamento a favore degli aftermarket indipendenti, ricordiamo ad esempio la causa intentata in Germania da ATU e Carglass contro FCA per l’eccessivo aumento dei costi per accedere alle informazioni protette dal cosiddetto “Secure Gateway” della casa auto. Un aumento tale da non permettere la libera concorrenza fra mercato indipendente e servizio aftermarket del costruttore auto.

LEGGI ANCHE: Le auto high-tech stanno uccidendo le piccole officine

Pierre Thibaudat, direttore generale di ADPA, ha così commentato: “Si tratta di un passo importante contro le attuali tendenze alla monopolizzazione da parte dei produttori di veicoli dei servizi aftermarket e contro i tentativi di tenere prigionieri i consumatori una volta acquistato un veicolo. È un ottimo esempio di come l’Unione Europea protegga con successo sia i consumatori che la concorrenza”.

La normativa che regola gli aftermarket indipendenti è il regolamento europeo sull’omologazione 2018/858, e in particolare gli articoli 61 e 63. La corte europea si è dunque espressa a favore di un contenimento delle tariffe applicabili dalle case auto per garantire la libera concorrenza fra le parti (riparazione ufficiale di casa auto e indipendente).

Aftermarket e ADPA:

Sulla stessa linea anche l’azione intrapresa da ADPA (Automotive Data Publisher Association) a più riprese negli scorsi anni e che oggi ha trovato ascolto presso la Corte di Giustizia UE.
Il riferimento è alla a causa avviata da ADPA a favore degli operatori aftermarket, a cui si è unita GVA (Gesamtverband Autoteile-Handel e.V), l’associazione tedesca dei distributori di ricambi, poiché alcuni produttori di veicoli hanno aumentato drasticamente negli ultimi anni le tariffe che addebitano agli editori di dati indipendenti come ADPA per poter accedere al loro database contenente informazioni cruciali su riparazione e manutenzione.

Come dichiarato da ADPA nel comunicato stampa del 27 ottobre scorso “si prevede che questa importante decisione avrà un impatto ampio e positivo sul più vasto mercato indipendente dell’aftermarket automotive, consentendogli in definitiva di proporre ai consumatori soluzioni più innovative, più convenienti e, tutto sommato, più competitive”.

“Questa decisione, riconoscendo il loro ruolo specifico (degli aftermarket ndr.) nell’ecosistema automobilistico, consentirà agli editori di dati di beneficiare di una maggiore certezza del diritto e dovrebbe aiutarli a continuare a offrire soluzioni indipendenti, multimarca e convenienti alle officine di tutta l’Unione Europea. Il legislatore dell’UE potrebbe prendere in considerazione alcuni chiarimenti aggiuntivi, ma questo è già un passo cruciale nella giusta direzione per una concorrenza leale nella fornitura di servizi di aftermarket automobilistico”.

In merito alla salvaguardia degli aftermarket indipendenti le questioni poste da ADPA riguardavano diversi punti che proviamo a riassumere qui di seguito.

1) L’ambito di applicazione del regolamento di omologazione 2018/858. La Corte ha dunque stabilito una volta per tutte che le disposizioni sull’accesso alle informazioni di riparazione e manutenzione si applicano anche ai veicoli che sono stati omologati per la prima volta prima del 1 settembre 2020.

2) Il costo delle informazioni. La Corte sancisce che gli operatori indipendenti, compresi gli editori di dati, non necessitano di una licenza separata per l’uso effettivo delle informazioni sulla riparazione e la manutenzione ottenute dai database dei produttori di veicoli nei propri prodotti. Inoltre, le tariffe devono essere basate su un sistema tariffario generale e devono tenere conto solo del tempo o della durata dell’accesso, o del volume o del numero di transazioni.

3) In merito al sistema tariffario applicabile, poi, se da un lato si stabilisce che possono esserci canoni diversi in base alla tipologia di informazioni richieste, dall’altro però non vengono date indicazioni specifiche a riguardo, parlando di un generico “costo ragionevole e proporzionale”. Su questa questione ADPA spera che la Corte vorrà tornare con maggiori dettagli e linee guida.

Fonte: “Notiziario Motoristico”

La newsletter di Tiassisto24

Resta informato su tutte le novità del mondo automotive e non solo. La nuova sezione dedicata alle news mensili del Mondo Tiassisto24. Sarà un appuntamento fisso per condividere i tanti accadimenti che avverranno nel nostro piccolo ecosistema, dal rilascio di nuovi funzioni e servizi, all’acquisizione di nuovi clienti e partners.

RESTA AGGIORNATO
Condividi questo articolo!