Questo articolo è comparso nella versione inglese della rivista online della CNBC, La Apple ha annunciato la prossima generazione del suo software per auto CarPlay a giugno.
Con il suo nuovo software, Apple si sta immergendo più a fondo nelle sue ambizioni automobilistiche, aprendo la possibilità di entrare in un segmento multimiliardario dell’industria automobilistica che sta crescendo rapidamente: la capacità di vendere servizi e funzionalità aggiuntivi ai proprietari di auto.

Leggi anche: CarPlay by Apple per le auto del futuro

Apple sta sfruttando la popolarità dell’iPhone per spingersi nell’industria automobilistica.

Le case automobilistiche non sono sicure di come si sentono al riguardo. Apple ha annunciato la prossima generazione del suo software per auto CarPlay a giugno. Occupa l’interfaccia utente su tutti gli schermi interni, sostituendo gli indicatori del gas e le lancette rapide con una versione digitale alimentata dall’iPhone del conducente. Ha suggerito che CarPlay aiuta le case automobilistiche a vendere veicoli.

Emily Schubert, responsabile tecnico di Apple, ha affermato che il 98% delle nuove auto negli Stati Uniti viene fornito con CarPlay installato. Ha fornito una statistica scioccante: il 79% degli acquirenti statunitensi comprerebbe un’auto solo se supportasse CarPlay. “È una caratteristica indispensabile quando si acquista un nuovo veicolo”, ha detto Schubert durante una presentazione delle nuove funzionalità.

L’industria automobilistica si trova di fronte a una scelta poco allettante: offrire CarPlay e rinunciare alle potenziali entrate e alla possibilità di affrontare un importante cambiamento di settore, oppure spendere molto per sviluppare il proprio software di infotainment e soddisfare un pubblico potenzialmente in diminuzione di acquirenti di auto che acquisteranno un nuovo veicolo senza CarPlay.

Apple vuole un posto a tavola

Le case automobilistiche vendono servizi e funzionalità aggiuntivi ai proprietari di veicoli su base regolare e ricorrente poiché le auto si connettono a Internet, ottengono funzionalità di guida autonoma e passano dall’essere alimentate a benzina a quelle alimentate da elettricità e batterie.

Il mercato del software per auto crescerà del 9% all’anno fino al 2030, più velocemente dell’industria automobilistica in generale, secondo un rapporto McKinsey. Il software per auto potrebbe rappresentare $ 50 miliardi di vendite entro il 2030, prevedono gli analisti di McKinsey.

Apple vuole un pezzo di torta.

GM , che non era elencato nella diapositiva di Apple, ottiene già un fatturato di $ 2 miliardi all’anno dagli abbonamenti per auto e prevede che crescerà fino a $ 25 miliardi all’anno entro il 2030. Tesla , che non supporta CarPlay, è recentemente passata alla vendita le sue funzionalità di assistenza alla guida “FSD”, tra cui il parcheggio automatico e il mantenimento della corsia, come abbonamento che costa fino a $ 199 al mese. Le case automobilistiche in Cina stanno iniziando a creare veicoli elettrici che si integrano profondamente con le loro App , consentendo ai conducenti di ottenere riparazioni, connettersi con altri proprietari o persino sostituire le batterie noleggiate.

“Riteniamo che ciò potrebbe alla fine portare Apple a fornire servizi sfruttando le piattaforme di sensori per auto“, ha scritto a giugno Rod Hall, analista di Goldman Sachs a proposito del CarPlay di prossima generazione.

La prossima generazione di CarPlay avrà bisogno di un significativo buy-in da parte delle case automobilistiche per dare al software Apple l’accesso ai sistemi principali. Apple ha suggerito di assicurarsi la cooperazione di diverse importanti case automobilistiche. “Le case automobilistiche di tutto il mondo sono entusiaste di portare questa nuova versione di CarPlay ai clienti”, ha aggiunto Schubert prima di mostrare una diapositiva con 14 marchi di case automobilistiche, tra cui Ford , Mercedes-Benz e Audi.

Gli osservatori del settore ritengono che le case automobilistiche debbano abbracciare i servizi software – e guardare all’offerta di Apple con scetticismo – o rischiano di rimanere indietro. “È un momento davvero difficile nel settore, in cui le case automobilistiche pensano di costruire ancora automobili. Non lo stanno facendo. Stanno costruendo software su ruote, e non lo sanno, e lo stanno scambiando “, ha affermato Conrad Layson, analista senior di AutoForecast Solutions.

CarPlay potrebbe generare nuove entrate
La nuova versione di CarPlay potrebbe essere un enorme motore di entrate emergente per Apple. Innanzitutto, se un utente ama l’interfaccia CarPlay dell’iPhone, è meno probabile che passi a un telefono Android. Questa è una priorità strategica per Apple, che genera la maggior parte delle sue entrate attraverso la vendita di hardware. In secondo luogo, sebbene la società non applichi ancora una commissione alle case automobilistiche o ai fornitori , potrebbe vendere servizi per veicoli nello stesso modo in cui distribuisce il software per iPhone.

A giugno, Apple ha rivelato di aver esplorato funzionalità che integrano il commercio nell’abitacolo dell’auto. Una nuova funzionalità annunciata quest’estate consentirebbe agli utenti di CarPlay di accedere a una pompa di benzina e pagare il carburante dal cruscotto dell’auto, secondo Reuters . Apple genera già decine di miliardi dall’App Store e lo aumenterà se mai deciderà di addebitare i servizi in auto.Nel 2021, ad esempio, Apple ha incassato tra i 70 e gli 85 miliardi di dollari di vendite totali dal suo App Store, di cui prende tra il 15% e il 30%, a seconda dell’app. Apple attualmente non accetta una percentuale degli acquisti effettuati su app per iPhone per beni o servizi fisici.

Il nuovo CarPlay consente inoltre ad Apple di raccogliere conoscenze e dati di alto livello su come le persone utilizzano i loro veicoli. Si tratta di informazioni preziose se mai dovesse rilasciare la propria auto , che è stata per anni oggetto di uno sviluppo altamente riservato . (Il gruppo automobilistico di Apple e il suo team CarPlay sono organizzati in divisioni separate.)

Ad esempio, quando le persone utilizzano l’app Mappe di Apple, l’azienda ottiene informazioni su quali percorsi sono più popolari e quando il traffico è più alto. È anche in grado di vedere quali app CarPlay stanno guadagnando popolarità e download.

In una nota all’inizio di quest’anno, gli analisti di Morgan Stanley hanno ipotizzato che i progressi nella guida autonoma potrebbero liberare trilioni di ore all’anno che Apple potrebbe affrontare con nuovi servizi e prodotti, un mercato potenzialmente enorme. “Quanto vale un’ora di tempo umano in un’auto senza niente da fare? Dipende da chi lo chiedi… ma (e questo è solo il nostro punto di vista) 1,2 trilioni di ore per qualsiasi cosa è UN NUMERO MOLTO GRANDE”, hanno scritto gli analisti di Morgan Stanley in precedenza questo anno.

Le case automobilistiche sembrano scettiche

Apple afferma che i battitori pesanti come Honda, Nissan e Renault sono “entusiasmi” per supportare il nuovo CarPlay. I 14 marchi rappresentati sulla diapositiva di Apple hanno consegnato oltre 17 milioni di veicoli nel 2021. Ma le case automobilistiche potrebbero non essere così entusiaste come suggerito da Apple. Pochi di loro hanno annunciato modelli che supporteranno il nuovo CarPlay e la maggior parte non è vincolante.

Land Rover, che è apparsa sulla diapositiva di Apple, sta “lavorando con Apple” per vedere come potrebbe essere “parte” del suo sistema di infotainment, ha detto un portavoce. “È troppo presto per commentare le future offerte di prodotti”, ha aggiunto il portavoce di Land Rover e Jaguar.

Mercedes-Benz ha descritto il suo impegno per CarPlay come “chiacchiere” con Apple.

“In generale, valutiamo internamente tutte le nuove tecnologie e funzioni potenzialmente rilevanti”, ha affermato un portavoce di Mercedes Benz. La mancanza di impegno da parte delle case automobilistiche potrebbe essere un problema di tempistica e ciclo del prodotto: Apple afferma che i veicoli inizieranno ad essere annunciati “alla fine del prossimo anno”. Ma la bella reazione potrebbe anche essere dovuta al fatto che il nuovo CarPlay rappresenta un importante cambiamento nel rapporto di Apple con le auto.

Il nuovo CarPlay richiederà ai sistemi in tempo reale dell’auto di trasmettere tali informazioni all’iPhone dell’utente, dove verranno analizzate e integrate nel software Apple e visualizzate sugli schermi dell’auto. L’interfaccia di Apple includerà anche i controlli del veicolo. Gli utenti possono toccare un pulsante touch-screen progettato da Apple per accendere l’aria condizionata, secondo il video promozionale di Apple. “Ottenere il controllo di queste funzioni principali è notevole perché sposta efficacemente l’esperienza in auto dalle mani della casa automobilistica ad Apple”, ha scritto il fondatore di Loup Funds Gene Munster in una nota di ricerca.

Se le case automobilistiche rinunceranno a quel controllo sull’esperienza in-car potrebbe essere strategicamente critico per l’industria automobilistica. I più esperti produttori di auto elettriche digitali come Tesla e Rivian hanno evitato Apple CarPlay, a causa delle proteste dei loro utenti, molto probabilmente per ragioni strategiche (sebbene il CEO di Apple Tim Cook avrebbe fatto un giro su un camion Rivian all’inizio di questo mese).

Se i computer e gli schermi delle auto finiscono per visualizzare principalmente l’interfaccia di Apple, le case automobilistiche avranno meno possibilità di vendere tali servizi ai propri clienti. E potrebbero perdere la capacità di definire la relazione con i clienti con servizi e app online. “Lo scopo del gioco deve essere per gli OEM: ‘Devo sedermi al tavolo da qualche parte in modo tale che quando questi servizi arrivano, ho un dito nella torta”, ha detto l’analista di Radio Free Mobile Richard Windsor. “Per fare ciò, lo smartphone dell’utente deve rimanere in tasca quando sale a bordo del veicolo. Nel momento in cui accende CarPlay, o Android Auto, o Android Automotive, o qualsiasi altra cosa, la casa automobilistica è nei guai seri”.

La newsletter di Tiassisto24

Resta informato su tutte le novità del mondo automotive e non solo. La nuova sezione dedicata alle news mensili del Mondo Tiassisto24. Sarà un appuntamento fisso per condividere i tanti accadimenti che avverranno nel nostro piccolo ecosistema, dal rilascio di nuovi funzioni e servizi, all’acquisizione di nuovi clienti e partners.

RESTA AGGIORNATO
Condividi questo articolo!