L’omicidio stradale diventa reato

Condividi questo articolo!

omicidio stradale reato

Approvato ieri il DDL per il reato di omicidio stradale. Il Senato ha finalmente approvato la legge, dopo un percorso non privo di ostacoli lungo circa 4 anni.

Il percorso di questa legge iniziò grazie all’azione delle Associazioni Lorenzo Guarnieri, ASAPS e Gabriele Borgogni, che hanno ideato e spinto fino in Parlamento il provvedimento.

LE NUOVE MISURE

Con le nuove misure resta la pena base (da 2 a 7 anni) nel caso in cui la morte sia stata causata da una violazione del codice stradale, ma cresce notevolmente per altri casi:

  • Chi uccide alla guida, guidando con un tasso alcolemico maggiore di 1,5 g per litro o sotto effetto di droghe, potrà scontare da 8 a 12 anni.
  • Reclusione dai 5 ai 10 anni per omicida della strada con tasso alcolemico superiore a 0,8 g/l.

Per quanto riguarda le lesioni stradali previste pene a partire da 1 anno e 6 mesi fino a 4 anni di reclusione in base alla gravità delle lesioni riportate dalla vittima dell’incidente.

Pene inasprite anche per quanto riguarda una eventuale fuga del conducente (aumenti di pena da uno a due terzi) e per i conducenti di mezzi pesanti ed autisti di autobus.

Inserite anche la revoca della patente automatica in caso di condanna o patteggiamento, una nuova patente sarà nuovamente conseguibile soltanto 15 anni dopo, in caso di omicidio stradale. Raddoppiati i termini di prescrizione del reato e introdotto l’arresto obbligatorio per i casi più gravi ed eclatanti.

Provvedimenti e misure importanti, per un fenomeno, quello dei pirati della strada che nel solo 2014 registro oltre 1.000 casi con 119 vittime della strada.

Condividi questo articolo!
2017-11-06T14:55:21+00:0004.03.2016|News|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.