Punti patente: saldo, penalità e recupero

Condividi questo articolo!

Introdotta 1° luglio 2003, la patente a punti ha rivoluzionato lo stile di guida degli automobilisti italiani. Questo strumento premia infatti i guidatori virtuosi e penalizza chi infrange il Codice della Strada. La partenza è uguale per tutti: 20 punti. In caso di infrazioni se ne potranno perdere alcuni, fino ad imbattersi nell’onta dell’azzeramento. Qualora si dovessero perdere tutti, infatti, ci si troverà costretti a superare di nuovo l’esame di teoria e di pratica per poter tornare alla guida di un veicolo.

Come sapere quanti sono i punti della patente

Per verificare il saldo basta registrarsi sul Portale dell’Automobilista. Realizzato con il patrocinio del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, il sito permette di ricevere gratuitamente notifiche via sms o e-mail. In alternativa si può chiamare (da rete fissa) il servizio automatico, attivo 24 ore su 24, al n. 848 782 782 e al costo di una telefonata urbana.

Come aumentano

Dai 20 iniziali si ottiene un bonus di due ogni due anni. Il tetto massimo raggiungibile è 30 punti. Gli automobilisti che sono scesi a meno di 20, invece, tornano a raggiungere la soglia iniziale a due anni dall’ultima infrazione ricevuta.

Come si perdono

Se per guadagnarli basta evitare condotte spericolate, per perderli il passo è più breve. Esiste infatti una specifica tabella delle penalità nella quale è possibile prendere visione di tutte i comportamenti sanzionabili. La decurtazione, a seconda dei casi, varia da 1 (mancato o improprio utilizzo delle luci) a 10 (gare di velocità, sorpassi pericolosi, forzare posti di blocco, eccesso di velocità superiore a 60 km/h), con il raddoppio automatico qualora ad incappare nell’infrazione sia un neopatentato, ovvero un soggetto che abbia conseguito la patente b da meno di tre anni. La sottrazione viene annotata nell’archivio nazionale degli utenti abilitati alla guida e comunicata al domicilio dell’interessato.

Punti patente: i casi particolari

Detto dei neopatentati, esistono altri casi da tenere in considerazione o in cui le pene vengono inasprite. Ecco alcuni esempi pratici.

  •         Qualora si commettano più infrazioni contemporaneamente, il numero massimo di punti decurtabili è 15. La regola cambia se gli illeciti prevedono il ritiro immediato della patente. È questo il caso, ad esempio, di guida in stato di ebbrezza, sorpasso in curva, circolazione contromano o con patente scaduta
  •         In mancanza di contestazione immediata della trasgressione (ad esempio per una multa elevata tramite autovelox), il proprietario del veicolo ha l’obbligo di comunicare all’organo accertatore i dati di chi si trovava alla guida. Tale procedura è necessaria affinché vengano sottratti i punti del reale autore della violazione. In caso contrario non vengono decurtati, ma viene applicata un’ulteriore sanzione prevista dal Codice della Strada.
  •         Sono affrancate dalla regola introdotta nel 2003 le patenti straniere. Per chi ha conseguito il titolo di guida all’estero, scatta però il divieto di circolazione in Italia (tra sei mesi e due anni) a fronte di infrazioni per un totale equivalente a 20 punti in un periodo di massimo tre anni

Se vuoi semplicemente ricordare le scadenze del tuo veicolo o contestare una multa che può riverberarsi anche sulla tua patente di guida, affidati a Tiassisto24. Ti basteranno pochi click per registrarti e disporre gratuitamente di una vasta gamma di servizi dedicati alla tua auto.

Condividi questo articolo!
2018-07-26T13:50:07+00:0002.08.2018|Automobili|

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.