È ormai prossimo a essere approvato il testo contenente le modifiche al Codice della Strada nel 2019. Il Governo Lega-M5S ha infatti trovato piena convergenza sugli aspetti discussi nei mesi scorsi. Secondo quanto trapela sono state confermate diverse misure anticipate a fine 2018. Tra queste:

Scopriamo nel dettaglio le novità e le misure che, invece, sono state respinte o rinviate.

Smartphone alla guida: multe più alte e sospensione della patente

Per quanto riguarda l’utilizzo al volante di telefoni cellulari o altri strumenti elettronici senza l’ausilio di auricolari o vivavoce, viene modificato parzialmente l’articolo 173 del Codice della Strada attualmente in vigore. Queste le nuove sanzioni:

  • Multa da 422 euro a 1.697 euro (la forbice attuale è di 161-467 euro).
  • Sospensione della patente da sette giorni a due mesi

In caso di recidività nell’arco dei successivi 24 mesi, invece:

  • Multa da 644 euro a 2.588 euro
  • Sospensione della patente da uno a tre mesi
  • Decurtazione da 5 a 10 a 10 punti patente

Hai dimenticato di pagare il bollo? Ricorda tutte le scadenze con tiassisto24!

Con un’unica app potrai avere sotto controllo tutte le scadenze di tutti i tuoi veicoli, come bollo, revisione, assicurazione, manutenzioni e tanto altro ancora.

Fatti aiutare

Novità limiti autostrada 2019

Il legislatore non interverrà invece sull’articolo 142 CdS, quello riguardante i limiti di velocità. Nonostante le voci insistenti sulla possibilità di innalzare a 150 km/h la velocità massima in autostrada, la norma non cambierà. Il limite di velocità autostrada resta pertanto fissato in 130 km/h.

Fumo alla guida: niente divieto

Non sarà introdotto neppure il divieto di fumo alla guida. Non sono stati aggiunti barrage aggiuntivi rispetto a quelli esistenti, che riguardano i conducenti di autoveicoli (sia in sosta che in movimento) e i passeggeri degli stessi solo in presenza a bordo di minori di 18 anni e di donne in stato di gravidanza. Nessuna novità neppure sull’utilizzo delle sigarette elettroniche a bordo.

Divieto di sosta e parcheggi per donne

Importanti novità, invece, sul fronte dei parcheggi. Multe inasprite per la sosta vietata di auto e moto: i minimi passano da 84 a 167 euro, la sanzione massima sale da 334 a 647 euro. Inoltre:

  • Decurtazione di 2 punti patente in caso di parcheggio su area adibita alla ricarica di veicoli elettrici
  • Decurtazione di 4 punti patente per sosta su parcheggi riservati ai disabili
  • Decurtazione di 4 punti patente per sosta sul marciapiede

Verranno inoltre predisposti parcheggi gratuiti per donne incinte o che trasportino un bambino di età non superiore a un anno.

Se sei stato un guidatore disattento nell’ultimo periodo e hai ricevuto una multa per uno dei motivi sopra elencati o non solo, passa a trovarci. Ti basterà caricare sulla nostra piattaforma una foto del verbale che ti è stato notificato per ricevere un parere legale sulla possibilità di effettuare ricorso. E se non sarà possibile, potrai decidere di pagare comodamente sul nostro sito la sanzione ricevuta.

Condividi questo articolo!