L’Ecobonus Auto 2019 è una delle misure introdotte dal Governo M5S-Lega nell’ultima Legge di Bilancio. Prevede degli incentivi all’acquisto di veicoli a basso impatto ambientale, anche attraverso la formula del leasing. Questi saranno applicati dalle concessionarie mediante la riduzione del prezzo d’acquisto e potranno cumularsi con altre promozioni da esse già adottate o previste. La novità sarà valida dall’1 marzo 2019 e riguarderà veicoli con un prezzo massimo di 50.000 euro più Iva e la cui soglia massima di emissioni inquinanti non superi i 70 g/km. Gli incentivi sono fissati in 4.000 euro per emissioni di CO2 comprese tra tra 0 e 20 g/km, in 1.500 euro per emissioni comprese tra 21 e 70 g/km. Tutto chiaro? Se non lo è, proviamo noi a sciogliere tutti i tuoi dubbi.

Hai dimenticato di fare la revisione? Organizza le tue manutenzioni!

Organizza e prenota le tue manutenzioni presso officine convenzionate e non convenzionate. In pochi passi risparmierai tempo e sorprese economiche.

Risparmia tempo

Ecobonus 2019: FAQ
Resta infatti un sommerso che vale la pena approfondire punto per punto.

Privati vs aziende
Gli incentivi sono validi solo per i primi o anche per le società? La legge non prevede esclusioni, pertanto possono usufruirne sia le persone fisiche che quelle giuridiche.

Auto già acquistata ma immatricolata dopo il 1° marzo 2019
Qualora si sia già firmato un contratto d’acquisto, ma l’auto sarà immatricolata dopo la suddetta data, non si potrà usufruire del bonus. La legge parla infatti di acquisto e immatricolazione in Italia a partire dal 1° marzo 2019, pertanto entrambe le condizioni devono verificarsi a partire da quella data.

Intestatario
L’auto da rottamare non deve necessariamente essere intestata alla persona che acquista quella nuova, ma può essere intestata anche a un familiare convivente. La condizione affinché ciò sia valido è che, alla data d’acquisto, la convivenza duri da almeno 12 mesi.

Auto a km 0
Non si potrà beneficiare dell’Ecobonus neppure per le auto a chilometro zero. L’incentivo è infatti concesso alla persona (fisica o giuridica) che immatricola l’auto, mentre le km 0 sono vetture targate dalle concessionarie e, quindi, ne beneficeranno i dealer. La concessionaria potrà autonomamente stabilire se girare – parzialmente o integralmente – il beneficio al cliente finale.

Leasing e noleggio a lungo termine
Si può ottenere il bonus affidandosi al leasing, in quanto la legge prevede l’erogazione dell’incentivo in caso di acquisto con la formula della locazione finanziaria. Non è invece concesso per il noleggio a lungo termine, poiché ne beneficerebbe la società di noleggio, che tuttavia può trasferirlo al cliente finale riducendo il canone mensile.

Euro 0
Non sono state comprese in sede di stesura del testo. Parlamento e Governo stanno tuttavia valutando la possibilità di revisionare la legge, estendendo il bonus anche alle macchine non catalizzate.

Auto importate
Se si importa un veicolo dall’estero, il bonus non è considerato valido. La legge parla di acquisto e immatricolazione in Italia, escludendo le macchine comprate al di fuori dei confini nazionali.

Rottamazione, demolizione e concessionaria
Per garantirsi il beneficio previsto l’auto da demolire deve essere consegnata contestualmente all’acquisto e all’immatricolazione. Nonostante non sia specificato, l’auto da rottamare può essere mandata in demolizione senza passare dalla concessionaria. La rottamazione ha invece un costo. Quelli a carico dell’acquirente sono relativi alla consegna dell’auto in concessionaria e alla radiazione dal Pubblico Registro Automobilistico.

Una volta acquistata la tua auto nuova, non puoi permetterti di trascurarla. In questo possiamo aiutarti a noi. Affidandoti a TiAssisto24 avrai infatti un valido alleato nella gestione delle scadenze connesse al tuo veicolo e alla sua manutenzione. Cosa aspetti? Passa a trovarci.

Condividi questo articolo!