Si aggiunge un nuovo capitolo alla voce contestare una multa elevata dall’autovelox. Attraverso l’ordinanza 6407 del 5 marzo 2019, infatti, la Sezione VI Civile della Corte di Cassazione ha affermato che le sanzioni sono contestabili se la pattuglia e lo strumento che rilevano la velocità istantanea non sono ben visibili per l’automobilista. Non è sufficiente che la postazione sia preceduta dal cartello di registrazione, ma è indispensabile che l’apparecchio e la polizia stradale posizionati a bordo strada siano visibili.

Multa eccesso di velocità: articolo 142 Codice della Strada

La Corte Suprema è stata chiamata a esaminare il ricorso avanzato da un automobilista di Livorno avverso la sentenza 575/2017 depositata il 25/05/2017. Nello specifico, il 4 febbraio 2016 il guidatore era stato fermato dalla polizia Stradale di Livorno e si era visto comminare una multa per la violazione dell’art 142 comma 9 C.d.S: “Chiunque supera di oltre 40 km/h ma di non oltre 60 km/h i limiti massimi di velocità – prescrive la norma – è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 527 a euro 2.108. Dalla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi”.

Hai ricevuto una multa?
Pagala o se hai dubbi contestala, tutto online!

Carica il verbale e con soli €10 potrai avere un parere legale sull’effettiva ricorribilità della multa. E se decidi di affidarci la redazione del ricorso ti restituiremo i soldi della consulenza. Altrimenti puoi pagarla comodamente online!

Scopri come

Multa autovelox: cosa ha stabilito la Cassazione

Il Tribunale aveva rilevato che il cartello segnalante la presenza dell’apparecchiatura di rilevamento di velocità era posto a distanza regolamentare, mentre non era richiesta la “chiara visibilità” dell’apparecchio e degli agenti accertatori. La Cassazione ha ribaltato la sentenza rintracciando motivi di fondatezza nel ricorso avanzato dell’automobilista poiché la sentenza impugnata “deve ritenersi in contrasto con l’art. 142 comma 6 bis CdS, in quanto afferma il principio secondo cui non è richiesta, ai fini della legittimità dell’accertamento, la visibilità dello strumento di rilevazione. Invero – segnala la Corte Suprema – la norma di cui all’art. 142 comma 6 bis C.d.S. specifica che ‘le postazioni di controllo (…) per il rilevamento della velocità devono essere (…) ben visibili’ e la necessaria visibilità della postazione di controllo per il rilevamento della velocità quale condizioni di legittimità dell’accertamento, con la conseguente nullità della sanzione in difetto di detto requisito, è stata da un ultimo affermata anche da questa Corte (Cass. 25392/2017). Ne deriva la fondatezza della prima doglianza per violazione dell’art. 142 comma 6 bis Cds”. Inoltre, specifica la Corte “con il secondo motivo di ricorso si deduce l’omessa valutazione di un documento, nonché l’omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti per non avere il Tribunale esaminato i documenti comprovanti la non visibilità dell’apparecchiatura. L’accoglimento del primo motivo determina l’assorbimento del secondo”.

La traduzione è scontata: le sanzioni amministrative elevate in difetto di entrambe le condizioni, già state definite “necessarie” dalla stessa Corte in una pronunciamento precedente, sono da considerarsi nulle.

Se hai ricevuto una multa per eccesso di velocità o ti sei imbattuto in un caso simile, rivolgiti a noi. Ti basterà caricare sull’app tiassisto24 il verbale che ti è stato notificato per ricevere immediatamente un parere dai nostri legali circa l’effettiva ricorribilità alla sanzione. Se il ricorso non è andato a buon fine, non abbatterti e non perdere tempo: potrai pagare la multa direttamente grazie a noi.

Condividi questo articolo!