Effettuare un’inversione di marcia: una manovra a volte necessaria ma non sempre consentita. Viaggiare sicuri significa rispettare il Codice della Strada e la sicurezza degli altri utenti. Per questo effettuare un’inversione ad u è raramente permesso. Eseguendo questo tipo di manovra, pur semplice nella sua realizzazione, può provocare danni gravi. Sia al conducente del veicolo che la fa, sia agli altri veicoli presenti in quello stesso momento sulla strada. Per questo motivo il CdS prevede delle multe e delle sanzioni accessorie, come sospensione della patente o confisca del mezzo, per i trasgressori.

Inversione di marcia: come si effettua

Fare un’inversione a due o tre tempi è un’operazione semplice. Per accedere alla corsia opposta al suo attuale senso di marcia, l’automobilista deve “girare” il proprio veicolo. Esistono due tempi di inversione di marcia:

  • Inversione a u: o a “due tempi”, è quella che si pratica senza interruzioni ed è possibile quando lo consentono le dimensioni della carreggiata
  • Inversione a tre tempi: si effettua compiendo più movimenti consecutivi e quando la strada non è sufficientemente larga

Cosa prevede il Codice della Strada: articolo 154

A disciplinare la materia è l’art 154 Cds. Questi dispone che, per invertire il senso di marcia, l’automobilista debba:

  • Assicurarsi di poter effettuare la manovra senza creare pericolo o intralcio agli altri utenti della strada, tenendo conto della posizione, della distanza e della direzione di essi.
  • Segnalare con sufficiente anticipo la loro intenzione

Inoltre il comma 6 articolo 154 stabilisce che l’inversione di marcia è vietata in prossimità o in corrispondenza delle intersezioni, delle curve e dei dossi.

Inversione di marcia: multe, sospensione patente, confisca veicolo

La sanzione per questa ultima infrazione viene stabilita dal comma 7. Scopriamo però i singoli casi e le pene connesse.

  • Inversione di marcia in autostrada o sulle strade extraurbane principali (art. 176, comma 19 Cds): multa da 1.988 euro a 7.953 euro; revoca della patente di guida e decurtazione di 10 punti patente. Fermo amministrativo del veicolo per tre mesi e confisca in caso di recidiva in un biennio.
  • Inversione di marcia in corrispondenza di intersezioni, curve o dossi è soggetto: multa da 84 a 335 euro e decurtazione di 8 punti patente.
  • Inversione in situazione di scarsa visibilità, in prossimità di curve o raccordi convessi: multa da 318 euro a 1.272 euro, sospensione della patente da uno a tre mesi (da due a sei mesi in caso di recidività entro due anni).
  • Fare inversione di marcia senza osservare le prescrizioni imposte: decurtazione di 2 punti patente

Sei stato colto in flagrante e hai ricevuto una multa, con o senza sottrazione dei punti patente, affidati a Tiassisto24. Dovrai solo caricare una foto del verbale che ti è stato notificato per ricevere in 48 ore una consulenza sulla possibilità di fare ricorso. Se sarà possibile, saremo noi a redigerlo. Se invece la multa è regolare, potrai pagarla direttamente da noi.

Condividi questo articolo!