Conoscere quando scade la patente non è un’impresa complicata. Per farlo basta verificare la data riportata al punto 4b nella parte frontale della tessera che viene rilasciata al momento del conseguimento. Per il rinnovo patente vige la “regola del compleanno“ utilizzata anche per la carta di identità, ovvero la scadenza coincide con la data di nascita dell’automobilista. I termini dipendono dal tipo della stessa e per la consegna del nuovo documento occorre attendere in media dai 7 ai 10 giorni. Circolare con il titolo scaduto comporta invece sanzioni come previsto dall’articolo 126 del Codice della Strada.

Quando effettuare il rinnovo patente

Gli intervalli per effettuare il rinnovo dipendono dall’età del titolare e dalla categoria della patente. Per quanto riguarda A e B si può procedere a partire dal quarto mese precedente alla scadenza e valgono i seguenti.

  • Ogni 10 anni fino ai 50 anni  di età
  • Ogni 5 anni tra i 50 e i 70 anni di età
  • Ogni 3 anni tra i 70 e gli 80 anni di età
  • Ogni 2 anni oltre gli 80 anni

Come e dove rinnovare la patente

Per procedere al rinnovo è obbligatorio sottoporsi a una visita medica. La si può effettuare presso:

  • Medico della ASL
  • Ispettore medico del Ministero del Lavoro
  • Medico delle Ferrovie
  • Medico dei Vigili del Fuoco

Una volta accertato il possesso di tutti i requisiti psicofisici propedeutici alla guida, il medico compila un modulo, comprensivo di firma e foto aggiornata del conducente del veicolo, trasmettendolo alla Motorizzazione Civile. Inoltre rilascia al titolare una ricevuta completa degli estremi anagrafici e delle informazioni del conducente, nella quale viene indicata anche la nuova data di scadenza del titolo di guida. Tale ricevuta serve a rimpiazzare provvisoriamente la patente, in attesa che questa venga trasmessa a domicilio al titolare. Il documento provvisorio ha validità 60 giorni.

Hai dimenticato di pagare il bollo? Ricorda tutte le scadenze con tiassisto24!

Con un’unica app potrai avere sotto controllo tutte le scadenze di tutti i tuoi veicoli, come bollo, revisione, assicurazione, manutenzioni e tanto altro ancora.

Fatti aiutare

Rinnovo della patente: che documenti servono?

Per il buon esito della pratica di rinnovo occorre inoltre presentare con sé, all’atto della visita, i seguenti documenti:

  • Documento d’identità in corso di validità
  • Codice fiscale
  • Patente (in scadenza o scaduta)
  • Ricevuta del pagamento dei diritti sanitari
  • Attestazione del versamento (10,20 euro) su CC intestato al Ministero dei Trasporti
  • Attestazione del versamento (16 euro) sul c/c 4028
  • Foto in formato tessera

Per i soggetti affetti da limitazioni del campo visivo, correggibili con lenti, è inoltre obbligatorio presentare occhiali e/o lenti a contatto.

Costo rinnovo patente

A incidere sul prezzo finale del rinnovo patente di guida è la scelta della struttura alla quale affidarsi per sostenere la visita medica. Oltre ai prezzi fissi già segnalati nel paragrafo precedente, rivolgendosi alla ASL andrà aggiunta ai 26,20 euro di cui sopra, una cifra che oscilla tra i 25 e i 50 euro. Se invece si ricorre all’Aci e alle scuole guida i prezzi superano quelli appena indicati, ma è pressoché impossibile allinearlii. Il costo di una visita presso il medico delle Ferrovie si aggira invece intorno ai 30-40 euro.

Cosa si rischia con la patente scaduta: ritiro e multa

Guai ad infrangere le regole. Guidare con la patente scaduta costa caro in termini economici e non solo. Accanto a una multa che parte da un minimo di 164 euro e raggiunge un massimo di 658, si va anche incontro al ritiro della patente, come stabilito dall’articolo 126 Cds.

Periodo di tolleranza patente

Recentemente sono cambiati i termini per effettuare l’estensione della validità della licenza. Se fino a pochi anni fa una volta superati i tre anni dalla scadenza si era obbligati a ripetere per intero il percorso iniziale (visita e superamento degli esami teorico e pratico), adesso sarà quasi sempre necessario soltanto passare la visita medica per tornare a guidare anche una volta superati i tre anni dalla scadenza. Pertanto:

  • Patente scaduta da meno di tre anni:ci si può rivolgere ad autoscuole con servizio agenzia di pratiche auto delegate al rinnovo, a delegazioni territoriali ACI, Motorizzazione Civile, ASL di competenza, per il certificato di rilascio che viene garantito a seguito della visita medica da sostenere presso gli enti sopra elencati
  • Patente scaduta da tre o più anni: si segue lo stesso iter previsto per i rinnovi nei “tempi giusti”. In alcuni casi, però, la Motorizzazione Civile può richiamare il titolare per sottoporlo nuovamente agli esami teorici e di guida

Ovviamente sia che si intenda rinnovare dopo un mese che dopo quattro anni, non cambiano le regole e le sanzioni inerenti la circolazione stradale con patente scaduta.

Scadenze, rinnovi, sanzioni e multe. L’universo della tua automobile è multiforme e indistinto. Vuoi una mano per districarti al suo interno? Affidati a TiAssisto24 e tutte le deadline relative al tuo veicolo diventeranno affare nostro, evitando che il tuo calendario sia costellato di cerchi rossi.

Conoscere quando scade la patente non è un’impresa complicata. Per farlo basta verificare la data riportata al punto 4b nella parte frontale della tessera che viene rilasciata al momento del conseguimento. Per il rinnovo patente vige la “regola del compleanno“ utilizzata anche per la carta di identità, ovvero la scadenza coincide con la data di nascita dell’automobilista. I termini dipendono dal tipo della stessa e per la consegna del nuovo documento occorre attendere in media dai 7 ai 10 giorni. Circolare con il titolo scaduto comporta invece sanzioni come previsto dall’articolo 126 del Codice della Strada.

Quando effettuare il rinnovo patente

Gli intervalli per effettuare il rinnovo dipendono dall’età del titolare e dalla categoria della patente. Per quanto riguarda A e B si può procedere a partire dal quarto mese precedente alla scadenza e valgono i seguenti.

  • Ogni 10 anni fino ai 50 anni  di età
  • Ogni 5 anni tra i 50 e i 70 anni di età
  • Ogni 3 anni tra i 70 e gli 80 anni di età
  • Ogni 2 anni oltre gli 80 anni

Come e dove rinnovare la patente

Per procedere al rinnovo è obbligatorio sottoporsi a una visita medica. La si può effettuare presso:

  • Medico della ASL
  • Ispettore medico del Ministero del Lavoro
  • Medico delle Ferrovie
  • Medico dei Vigili del Fuoco

Una volta accertato il possesso di tutti i requisiti psicofisici propedeutici alla guida, il medico compila un modulo, comprensivo di firma e foto aggiornata del conducente del veicolo, trasmettendolo alla Motorizzazione Civile. Inoltre rilascia al titolare una ricevuta completa degli estremi anagrafici e delle informazioni del conducente, nella quale viene indicata anche la nuova data di scadenza del titolo di guida. Tale ricevuta serve a rimpiazzare provvisoriamente la patente, in attesa che questa venga trasmessa a domicilio al titolare. Il documento provvisorio ha validità 60 giorni.

Rinnovo della patente: che documenti servono?

Per il buon esito della pratica di rinnovo occorre inoltre presentare con sé, all’atto della visita, i seguenti documenti:

  • Documento d’identità in corso di validità
  • Codice fiscale
  • Patente (in scadenza o scaduta)
  • Ricevuta del pagamento dei diritti sanitari
  • Attestazione del versamento (10,20 euro) su CC intestato al Ministero dei Trasporti
  • Attestazione del versamento (16 euro) sul c/c 4028
  • Foto in formato tessera

Per i soggetti affetti da limitazioni del campo visivo, correggibili con lenti, è inoltre obbligatorio presentare occhiali e/o lenti a contatto.

Costo rinnovo patente

A incidere sul prezzo finale del rinnovo patente di guida è la scelta della struttura alla quale affidarsi per sostenere la visita medica. Oltre ai prezzi fissi già segnalati nel paragrafo precedente, rivolgendosi alla ASL andrà aggiunta ai 26,20 euro di cui sopra, una cifra che oscilla tra i 25 e i 50 euro. Se invece si ricorre all’Aci e alle scuole guida i prezzi superano quelli appena indicati, ma è pressoché impossibile allinearlii. Il costo di una visita presso il medico delle Ferrovie si aggira invece intorno ai 30-40 euro.

Cosa si rischia con la patente scaduta: ritiro e multa

Guai ad infrangere le regole. Guidare con la patente scaduta costa caro in termini economici e non solo. Accanto a una multa che parte da un minimo di 164 euro e raggiunge un massimo di 658, si va anche incontro al ritiro della patente, come stabilito dall’articolo 126 Cds.

Periodo di tolleranza patente

Recentemente sono cambiati i termini per effettuare l’estensione della validità della licenza. Se fino a pochi anni fa una volta superati i tre anni dalla scadenza si era obbligati a ripetere per intero il percorso iniziale (visita e superamento degli esami teorico e pratico), adesso sarà quasi sempre necessario soltanto passare la visita medica per tornare a guidare anche una volta superati i tre anni dalla scadenza. Pertanto:

  • Patente scaduta da meno di tre anni:ci si può rivolgere ad autoscuole con servizio agenzia di pratiche auto delegate al rinnovo, a delegazioni territoriali ACI, Motorizzazione Civile, ASL di competenza, per il certificato di rilascio che viene garantito a seguito della visita medica da sostenere presso gli enti sopra elencati
  • Patente scaduta da tre o più anni: si segue lo stesso iter previsto per i rinnovi nei “tempi giusti”. In alcuni casi, però, la Motorizzazione Civile può richiamare il titolare per sottoporlo nuovamente agli esami teorici e di guida

Ovviamente sia che si intenda rinnovare dopo un mese che dopo quattro anni, non cambiano le regole e le sanzioni inerenti la circolazione stradale con patente scaduta.

Scadenze, rinnovi, sanzioni e multe. L’universo della tua automobile è multiforme e indistinto. Vuoi una mano per districarti al suo interno? Affidati a TiAssisto24 e tutte le deadline relative al tuo veicolo diventeranno affare nostro, evitando che il tuo calendario sia costellato di cerchi rossi.

Condividi questo articolo!